Spiaggia di Cala Mondragò a Maiorca

Fonte de n'Alis

Foto panoramica di Cala Mondragò. Sulla sinistra si scorge il percorso che porta a Cala s’Amarador.

Quando qualche amico viene a trovarmi a Maiorca e mi chiede dove andare al mare, Cala Mondragò è sempre una delle prime risposte. Tra le mie preferite, è una spiaggia quasi caraibica che si trova sulla costa est dell’isola, non lontano da Calo des Moros e a un’oretta di auto da Palma. Bandiera Blu, dune di sabbia e una pineta immensa tutto intorno: ogni volta che vado a Mondragò mi sento un po’ in paradiso.
Ciò che la caratterizza è il contesto naturale in cui si trova: il Parco Naturale di Mondragò. Una zona incontaminata e protetta, un mosaico di diversi ambienti con diversi sentieri immersi in una vasta pineta che portano a diverse calette che si affacciano su un mare che, neanche a dirlo, è sempre calmo e limpido.

Servizi e caratteristiche della spiaggia

L’intera zona è conosciuta come “Mondragò” o “Cala Mondragò”. In realtà, per essere precisi, l’area si divide in due arenili distinti: Cala S’Amarador e Font de n’Alis.

    • Cala S’Amarador: è la spiaggia più grande tra le due, lunga circa 150 metri e larga 50. Proprio per questo, nonostante sia una delle spiagge più frequentate di Maiorca, si riesce sempre a trovare un angolino libero senza grossi problemi. Stenditi e rilassati: davanti a te il mare, aperto ma stretto tra due pareti rocciose. Alle tue spalle, la pineta, immensa. E non è finita: da qui parte tutta una serie di sentieri che si inoltrano nel Parco Naturale. Proprio in mezzo alla spiaggia c’è un chiringuito che vende (non proprio a buon mercato) frutta fresca e cocktail rinfrescanti.

Playa S'Amarador Mondrago

  • Font de n’Alis: conosciuta anche come Cala Mondragò, è unita a Cala S’Amarador da un sentiero sterrato lungo la parete rocciosa. In teoria in cinque minuti di passeggiata si passa da una cala all’altra, ma ci impiegherai sicuramente di più: è impossibile non fermarsi a scattare qualche foto! Sulla spiaggia, più stretta rispetto a Cala S’Amarador, si trovano due ristoranti e due bar, dove rinfrescarsi con un aperitivo o con qualche tapas di cucina tipica maiorchina.

Tutta l’area è molto frequentata durante i mesi estivi. Perfetta per famiglie con i bambini, sia perché il fondale digrada lentamente, sia perché la spiaggia è fornita di servizio di salvataggio. A La Bandiera Blu, in questo senso, è garanzia del fatto che ci troviamo in una delle spiagge più belle dell’isola.

Come arrivare a Cala Mondragò

Si trova a 10 chilometri dal villaggio di Santanyì e dal complesso turistico di Cala D’Or. Pur essendo una zona protetta, si raggiunge facilmente in auto. Ci sono due parcheggi, uno per ognuna delle due spiagge: entrambi a pagamento, con un prezzo onesto di 5€ per l’intera giornata.

L’auto è sicuramente il modo migliore per muoversi a Maiorca, ma durante i mesi estivi si può raggiungere Cala Mondragò anche in autobus, con la linea 507 della Tib che collega la spiaggia a Cala d’Or.

Perché andarci?

Se sei a Maiorca per qualche giorno, credo valga la pena passare almeno mezza giornata a Cala Mondragò, magari dedicando qualche ora a una passeggiata nel Parc Natural Mondragò. È uno dei luoghi più rilassanti dell’isola, nonché uno dei preferiti da chi ama la natura: tra canneti, scogliere a picco sul mare, dune e uccelli di oltre 70 specie diverse.

E poi, neanche a dirlo, il mare a Mondragò è spettacolare. Sarà il fondale di sabbia bianca, sarà il contesto naturale… o sarà semplicemente perché siamo a Maiorca, l’isola più bella del mondo!

 

Altre spiagge da vedere nelle vicinanze

 

Se hai trovato almeno un po’ interessante quello che ti ho raccontato, posso chiederti un favore? Lascia un commento o condividi su uno dei tuoi social usando uno dei bottoni qui in basso! A te non costa nulla, ma ci aiuteresti moltissimo ad arrivare a più gente possibile. Grazie mille per il tuo aiuto! 😜

⬇ ⬇ ⬇

Maiorca: servizi utili

Maiorca: servizi utili

Alloggi a Maiorca

Alloggi a Maiorca