Es Trenc

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Tra le spiagge da vedere assolutamente a Maiorca non può mancare Es Trenc. È in un certo senso l’ultima spiaggia vergine di Maiorca, o almeno l’unico arenile risparmiato dall’urbanizzazione. Una distesa di sabbia che pare infinita, immerso letteralmente nel nulla, o meglio, nella natura più incontaminata.

Ufficialmente si divide in due spiagge: Ses Covetes Ses Salines, più a ridosso dell’urbanizzazione di Colonia Sant Jordi. Tra le spiagge di Palma di Maiorca e vicinanze, credo che Es Trenc sia la più adatta per le famiglie, mantenendo comunque quell’aspetto selvaggio che tanto ci piace!



Niente rocce, niente pinete, solo sabbia e acqua cristallina fino all’orizzonte. Lunga 4 chilometri, a Es trenc si alternano grossi tratti liberi, anche per nudisti, e zone attrezzate, con la possibilità di noleggiare ombrelloni e lettini.

Ci sarà un motivo se la chiamano “I Caraibi di Maiorca”, no? È una delle mie spiagge preferite, una delle prime che cerco di visitare ogni anno. Scopriamo di più su Es Trenc Spiaggia: in questo articolo ti parlerò un po’ in dettaglio di questa meraviglia della Maiorca sud-est.

Come si arriva ad Es Trenc? Si può raggiungere in bus? Ci sono servizi e ristoranti sulla spiaggia?

Indice articolo

Playa de Es Trenc: servizi e informazioni

Superficie: sabbia/roccia
Bar: no
Docce: no
Parcheggio: 600m
Bagnino: no

Come arrivare a Es Trenc?

La Platja d’es Trenc si trova a poco più di 6 chilometri da Colonia de Sant Jordi, un villaggio pescatore che a me piace molto, molto tradizionale.

Siamo nel sud-est di Maiorca, nel comune di Campos, tra Santanyi e Cala d’Or. Palma ed Es Trenc distano circa 50 chilometri e ci sono diversi modi per raggiungere la spiaggia.

Arrivare in auto: mappa Palma - Es Trenc

Noleggiare un auto è il modo migliore per muoversi a Maiorca, avendo libero accesso anche agli angoli può nascosti dell’isola. Inclusa Es Trenc: per arrivare qui ci sono diverse opzioni.

  • Passare da Ses Covetes e Campos, con la strada Ma-6030 verso Sa Rapita e da qui seguire in direzione Es Trenc.
  • Arrivare al parcheggio di Colonia de Sant Jordi, dal quale arriverai alla playa con una passeggiata lungo la riva.
  • La soluzione più comune è quella di arrivare al parcheggio proprio attaccato alla spiaggia. Attenzione però: la strada per arrivarci è stretta e sterrata e passa di fianco alle saline “Flor de Sal” di Es Trenc. Specie in estate, questo percorso può essere un po’ complicato. Il parcheggio è a pagamento, con un costo di 7€ al giorno. Parola d’ordine? Madrugar! Perché i posti sono limitati e, in alta stagione, finiscono in fretta!

In Bus

Una soluzione più economica è arrivare a Es Trenc coi mezzi pubblici. Da Palma, la linea di riferimento è la 530 della Tib, in partenza dalla Estacion Intermodal. Il prezzo del biglietto è di 3,90€ (in auto spenderesti almeno 6€ solo di parcheggio). Unico aspetto negativo, purtroppo, gli orari: l’ultimo autobus è alle 18.40, che vuol dire, in estate, perdersi il tramonto. Ne vale davvero la pena?

Cosa fare e cosa vedere a Es Trenc

Es Trenc è un classico, un must seen di Maiorca, specie se alloggi a Palma. Non so se è per il fondale o per qualche altro motivo, ma l’impressione che ho ogni volta che ci vado è qui ci sia il mare più pulito di tutta Maiorca. Forse è davvero solo una mia impressione, ma il colore e le sfumatore di queste acque ricordano davvero un paradiso polinesiano. Ecco qualche consiglio e qualche curiosità:

  • Madrugar: ossia “svegliarsi presto”. Un po’ perché l’alba a Es Trenc è un’esperienza mistica che aiuta a trovare se stessi. Un po’ perché, in estate, la spiaggia si affolla molto e diventa difficile anche solo arrivare al parcheggio.
  • Alghe: “sì, siamo andati a Es Trenc ma era pieno di alghe”. Non sai quante volte me lo sono sentito dire. Queste “alghe”, però, sono in realtà “Poseidona Oceanica”. Una pianta non carina da trovarsi tra i piedi quando facciamo il bagno, è vero. È però un indicatore naturale della qualità delle acque. A inizio e a fine stagione estiva, comunque, la spiaggia viene ripulita completamente.
  • Ombra: a Es Trenc, sostanzialmente, non c’è. Quindi crema solare in borsa e, se possibile, porta con te un ombrellone. Noleggiarlo sulla spiaggia costa intorno ai 15€. Mi raccomando, col sole non si scherza!
  • Bunker: ce ne sono diversi su questo tratto di costa, costruiti dal dittatore Franco. Alcuni sono molto suggestivi e potrai anche salire sul tetto, per scattare qualche foto dall’alto. La cosa curiosa, è che quelle che ora appaiono come una sorta di “case”, originariamente erano quasi completamente sotto terra. Negli anni, però, la spiaggia è cambiata e i bunker sono stati completamente scoperti.

Dove mangiare a Es Trenc

Pur essendo una spiaggia vergine e incontaminata, c’è un ristorante, il Ristorante Es Trenc (che fantasia…) che si trova proprio nel mezzo dell’arenile. Personalmente non ci sono mai stato, ma si tratta di un tipico ristorante turistico di Maiorca. C’è un parcheggio gratuito per i clienti del ristorante.

Il mio consiglio?

Il classico “bocadillo” (panino) da casa, la scelta migliore per godersi al 100% la spiaggia, anche all’ora di pranzo! In realtà di solito con i miei amici ci fermiamo al supermercato Eroski di Campos, compriamo un panino o un’insalata e via!

Se vuoi provare la cucina maiorchina tradizionale dopo una giornata a Es Trenc, non lontano dalla spiaggia si trova il Ristorante Cruce, a Manacor. Uno dei posti più buoni in assoluto dove mangiare a Maiorca, te lo consiglio (meglio prenotare).

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Piaciuto l’articolo? Se ti è stato utile, utilizza i pulsanti qui sopra per condividerlo sui tuoi social oppure lascia un commento qui sotto e ti risponderemo il più rapidamente possibile, grazie!

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments