Grotte a Maiorca

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Le grotte a Maiorca non sono semplicemente un’attrazione in più nel vostro viaggio, ma un mondo sotterraneo tutto da scoprire; c’e’ una Maiorca sopra e una Maiorca sotto, con un unico filo conduttore: la storia dell’isola dalla sua formazione geologica ai giorni nostri!

E c’e’ dell’altro: a Maiorca le grotte sono cosi’ tante e per tutti i gusti che non si puo’ sbagliare: c’e’ la grotta dove puoi fare il bagno a 40 metri di profondità, la grotta incastonata nella scogliera, la grotta dove trovare cimeli dal passato, ci sono i covi dei contrabbandieri, c’e’ la grotta cosi’ piena digesso da accecare gli occhi e ci sono naturalmente le grotte turisticamente attrezzate.



👉 Il modo migliore per visitare le grotte di Maiorca? Naturalmente con le nostre Escursioni su misura, le uniche in italiano sull’isola!

Clicca qui e scopri cosa possiamo organizzare per te.

Iniziando proprio da queste ultime, le Cuevas del Drach a Portocristo sono il fiore all’occhiello dell’offerta turistica. L’esperienza in una grotta attrezzata e’ facile e accessibile, anche se toglie fascino alle meravigliose formazioni naturali presenti, con le sue luci e installazioni artificiali che rendono il tutto, a nostro modo di vedere, un po` “troppo illuminato”.

Tra le grotte turistiche sono poi da segnalare le vicine, ma meno note Cuevas del Hams, le prime grotte aperte al pubblico in Spagna nel 1910, le Cuevas de Campanet, scoperte da un pastore che si infilò in un forat e le Cuevas de Artá, che si aprono su Canyamel dal Cap Vermell.

Chiudiamo il primo giro sulle cavita’ dell’isola, perche’ ora tocca agli amanti dell’avventura e dell’arrampicata: l’isola è da sempre una meta imperdibile per gli amanti di questi sport estremi e capita di frequente, durante una passeggiata o un’escursione tra le bellezze dell’isola, di imbattersi in gruppi di ragazzi con corde e attrezzature intenti ad arrampicarsi. A Maiorca si trova, ad esempio, la Cova Gegant, sovrastata da una magnifica parete che tende a chiudersi su se stessa.

Qui e’ possibile vedere gli sportivi compiere sforzi immensi per scalare contro la propria forza di gravita’, e chissà prendere qualche lezione direttamente sul posto!

Il luogo è davvero nascosto e impervio, occorre infatti scendere il ripido corso di un torrente in secca, ma niente paura: abbiamo segnalato parte del sentiero con le classiche fitas, quei piccoli totem di pietre che indicano il percorso agli escursionisti.

Spostandoci verso sud-est si trovano complessi di grotte naturali spettacolari, direttamente collegati con il mare. Per la sua peculiarita’ di essere una grotta nella quale sono visibili le tombe e gli strumenti di lavoro degli archeologi citiamo la Cova des Moro (quella dell’immagine in evidenza).

Sullo stesso percorso, a qualche centinaio di metri di distanza si trova invece la Cova des Pirata, un vero must qui sull’isola. Una porticina socchiusa si intravede tra le fronde di olivastro e ci accompagna in un mondo incantato fatto di scale, vele, stalattiti e stalagmiti, ma soprattutto un lago al fondo, per un tuffo a 20 gradi assolutamente rigenerante in qualsiasi periodo dell’anno. L’atmosfera e’ da spa luxury e meriterebbe da sola il viaggio. Purtroppo, da qualche mese, la Cueva del Pirata è stata chiusa.

Tornando in superficie, dopo un incontro con la tartaruga mediterranea, ci dirigiamo alla Cova des Pont, per completare anche il secondo giro tra le cavità dell’isola. Per intenderci, siamo nella zona di Cala Varques, una delle spiagge più selvagge e belle dell’isola!

Anche la Cova des Pont, momentaneamente, è stata chiusa.

Bussola verso Nord per spostarci in direzione Alcudia, precisamente Alcanada, da dove parte un sentiero che ci portera’ direttamente a una delle cavita’ piu’ panoramiche di Maiorca.

La Cova Tancada (tancat in catalano significa “Chiuso”) e’ invece apertissima a picco sul mare, mentre sulla linea dell’orizzonte possiamo ammirare la bellezza del promontorio di Levante.

ESCURSIONI SU MISURA

  • +20 escursione selezionate
  • Ti aiutiamo a comporre la tua esperienza su misura
  • Tour Leader, italiano e residente sull’isola
  • Assistenza nella pianificazione e prenotazione del tuo viaggio a Maiorca

Scesi lungo la parete, affrontando alcuni tratti un po’ vertiginosi, raggiungiamo l’ingresso. Le sale sono molto più ampie di quello che ci si aspetterebbe e le formazioni sono incredibilmente attive e di
notevoli dimensioni.

È il momento di dirigerci al centro perche’, non ci crederete, ma la grotta più bella di Maiorca si trova proprio li’, anche se purtroppo non si può visitare.

L’Avenc de Son Pou, nella comarca di Santa Maria del Camì, è chiusa per una verifica sullo stato di conservazione. L’obiettivo è
individuare una forma di accesso al pubblico regolamentato, quindi non ci resta che pazientare ancora un po’!

Non abbiamo comunque finito il nostro tour, dicevo appunto che di grotte a Maiorca ce ne sono per tutti i gusti. Ci sono quelle con una leggenda alle spalle, come questa, la Cova des Soldat Pelut, e ce ne sono altre dalla forma invitante (io ci vedo una pera, non so voi?).

E poi ci sono le grotte di Na Burguesa, che meriterebbero un capitolo a parte. Si perché a differenza di tutte le altre sull’isola, non hanno una origine carsica, bensì clastica. Sono tutti buchi insomma!

Tra queste, alcune offrono un’esperienza davvero wild, come la Cova de l’Afortunat (sifa per dire), altre fanno venire la febbre dei cercatori d’oro, come la Cova Mineraria d’Es Guix, guardate un po’!

Poi se proprio di buchi vogliamo parlare, ci sono i Secretes, i vecchi rifugi dei contrabbandieri sulla costa. Sono anfratti riparati, dove si nascondeva la mercanzia. In uno di quelli più  belli, dove siamo soliti accompagnare i viaggiatori, c’e’ un sifone all’interno che spruzza verso l’alto, e in fondo una vecchia boa con quella scritta Bernard-1810.

E stavo dimenticando, la Cova des Coloms! È immensa, raggiungibile solo attraverso una discesa in corda o una nuotata di un centinaio di metri.

Insomma abbiamo girato per tutta l’isola in poche righe, nel frattempo hai già trovato la grotta che fa per te? Ancora no? Non ti preoccupare, ne abbiamo catalogate centinaia, non puoi venire qui senza trovare la Tua, per cui frontalino in testa e si parte in esplorazione, ma ricorda: un’esperienza in una grotta naturale e’ tutta un’altra storia, soprattutto a Maiorca!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Piaciuto l’articolo? Se ti è stato utile, utilizza i pulsanti qui sopra per condividerlo sui tuoi social oppure lascia un commento qui sotto e ti risponderemo il più rapidamente possibile, grazie!

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments