I migliori sentieri di trekking a Palma di Maiorca e dintorni

Ma tu vivi a Maiorca? E d’inverno, a Maiorca, cosa fai? Ti annoi vero?

palma di maiorca walking tour

Non sai quante volte mi sono sentito rivolgere queste domande. E non ti nascondo che uno dei motivi che mi ha spinto a lanciare VivereMaiorca è proprio questo: far sapere alla gente là fuori che a Maiorca, in inverno, ci sono un sacco di cose da fare!

In particolare, Maiorca è un autentico paradiso per gli amanti del trekking, della mountain bike e dell’arrampicata! La Sierra de Tramuntana, la catena montuosa che taglia Maiorca trasversalmente, è un fitto intreccio di sentieri e percorsi che collegano tra loro borghi, calette e altri luoghi interessanti nel bel mezzo della montagna.

Trekking a Maiorca: qualche raccomandazione

Se per quanto riguarda arrampicata e mountain bike non sono molto ferrato (o almeno non ancora), posso sicuramente darti qualche buon consiglio riguardo i migliori percorsi di trekking di Maiorca!

Durante i mesi più freddi, quando è ancora un po’ presto per andare al mare, il tipico weekend maiorchino prevede almeno un’escursione di trekking sulla Sierra de Tramuntana. Un panino, qualche amico, una borraccia e una macchina fotografica, e si parte!

E nonostante la Sierra de Tramuntana sia un Parco Naturale protetto e sostanzialmente selvaggio, negli anni sono stati tracciati percorsi sterrati molto ben segnalati, con tanto di distanze e durata prevista! All’avventura sì, sempre, ma meglio se in sicurezza!

Trekking Maiorca

I percorsi a Maiorca sono sempre ben segnalati!

Prima di vedere insieme quali sono i sentieri di montagna più belli a Maiorca, ecco qualche piccola e rapida raccomandazione:

  • Porta sempre con te un paio di scarpe da trekking. Ok, è un consiglio banale e scontato, ma non si sa mai.
  • Cibo e acqua non possono mancare. Non aspettare di trovare rifugi e chioschetti in mezzo alla montagna. La Sierra de Tramuntana è pura natura selvaggia per davvero!
  • Apri Google Maps (o il programmino di Mappe se hai un Iphone) e scarica la mappa di Maiorca in modo da poterla vedere anche offline, quando non c’è rete internet. Inserendo la modalità “satellite” vedrai tracciati anche i sentieri di montagna. Questa non la sapevi, vero?
  • Valgono le solite regole di buon senso. Non abbandonare mai i sentieri tracciati. L’isola non è poi così piccola e più di una persona si è persa nella Tramuntana.

 

Il miglior trekking da fare a Maiorca

Ok, siamo pronti, scopriamo insieme la mia personale selezione dei migliori percorsi escursionistici da non perdere a Maiorca.

Ultimissima premessa, giuro: è una selezione personale, cerco di consigliarti soltanto i sentieri che ho già fatto, con suggerimenti e informazioni che potranno esserti utili.

Elencare tutti i percorsi presenti sull’isola è impossibile, ma piano piano aggiornerò quest’articolo e ne aggiungerò di nuovi.

Per chi parla lo spagnolo: ti consiglio questo sito, una vera e propria bibbia del trekking a Maiorca.

Ok, adesso siamo pronti davvero: scopriamo insieme i migliori posti dove fare trekking sull’isola!

Sentiero di di Sa Costera

ZonaOvest
Durata3 ore e 45 circa
Accesso coi mezzi pubblicisi
Punto di PartenzaMirador de Ses Barques
Punto di ArrivoCala Tuent
Percorso CircolareNo

Partiamo subito col botto. La camminata secondo me più bella in assoluto: il percorso di Sa Costera!

Cala Tuent, vale a dire il punto di arrivo di Sa Costera.

Il nome dice molto: per gran parte del sentiero (specie nella seconda metà) si vede il mare. Si parte dal Mirador de Ses Barques e si arriva, appunto, al mare, nella incantevole Cala Tuent, una delle cale selvagge più incredibili di Maiorca.

Si tratta di un’escusione prevalentemente piana, ma piuttosto dura, dalla durata totale di circa 6 ore e mezza! (se scegli di fare andata e ritorno a piedi).

Come arrivare?

Una soluzione per risparmiarsi la camminata di ritorno è quella di raggiungere in barca Port de Soller, partendo da Cala Tuent. A questo sito trovi gli orari del traghetto e i contatti per prenotare la barca: mi raccomando, la prenotazione è imprescindibile!

Una volta raggiunto Port de Soller, potrai tornare al Mirador di Ses Barques con l’autobus 354.

Quindi ricapitolando: si parte dal Mirador di Ses Barques, raggiungibile in bus o in auto, si arriva a Cala Tuent dopo poco meno di 4 ore. Da lì, potrai scegliere se tornare a piedi (sconsigliato) o se prendere un passaggio via mare fino a Port de Soller, da dove troverai un bus che ti riporterà al punto di partenza.

Bisogna organizzarsi un po’, ma ne vale la pena!

Il percorso

È un percorso non troppo difficile in quanto a pendenza e fondo, ma sicuramente lungo e stancante. Da fare solo se sei abbastanza allenato! Salite, discese e gradinate si alternano, in un percorso spesso e volentieri ombreggiato. La vegetazione è quella tipica della Sierra de Tramuntana, con spettacolari uliveti che si estendono qua e là lungo il cammino. La seconda parte del percorso, invece, corre lungo la costa, pur rimanendo a una considerevole altitudine e con la possibilità, in alcuni casi, di scendere verso il mare.

Non è raro l’incontro con delle simpatiche caprette. Daltronde, siamo a Maiorca, l’isola dalla forma di testa di capra!

Si comincia al Mirador di Ses Barques, dove è presente un piccolo bar e un parcheggio. Sali la scalinata, seguendo i cartelli che indicano Cala Tuent, e prosegui avventurandoti tra gli olivi centenari (sempre seguendo il sentiero!).

A un certo punto, attraverserai un piccolo ruscello, il Balitx d’Avall. Prosegui seguendo il sentiero.

La prima tappa, a circa un’ora e mezza dalla partenza, è l’agriturismo Balitx d’Avall, una vecchia fattoria (ia ia oh) che offre la possibilità di un piccolo rinfresco. Un paradiso in mezzo alla natura!

Altra tappa, dopo circa 3 ore dalla partenza, è la Font des Verger. Si tratta di una centrale elettrica abbandonata, che per decenni ha somministrato energia elettrica a Soller e agli altri villaggi della zona. Ben segnalata, è un luogo particolare, certamente da vedere!

Font des Verger

Uno dei luoghi più strani e curiosi che ti capiterà di vedere durante il cammino di Sa Costera!

Prima di arrivare a Cala Tuent, poco dopo il Coll de na Polla, troverai il famoso Ristorante Es Vergeret. Da lì, dovrai imboccare la strada asfaltata e scendere poi gli scalini subito dopo la prima curva: portano direttamente, e finalmente, a Cala Tuent!

axa-assicurazione-viaggio

Esporles-Banyalbufar: Cami des Correu

ZonaSud-Ovest
Distanza8 km circa
Durata2 ore e 15 circa
Accesso coi mezzi pubblicisi
Punto di PartenzaEsporlas
Punto di ArrivoBanyalbufar
Percorso CircolareNo

Chi segue questa pagina sa quanto io ami i pueblos della Tramuntana, come Esporlas e Banyalbufar. E se esiste un itinerario che unisce Esporlas e Banyalbufar, beh, non potevo certo perdermelo!

Cami des Correu

Da Esporlas a Banyalbufar: è il Cami des Correu!

Il Camì de Correu è un sentiero non circolare di circa 8 km, semplice e rapido, da percorrere in più o meno 2 ore e mezza. È un cammino antichissimo, di origini medievali, datato 1401, che fa parte della rete di cammini Ruta de Pedra en Sec.

Ti porterà a godere di panorami spettacolari, specie nella parte finale: la discesa verso il borgo di Banyalbufar, con vista sui terrazzamenti che scendono verso il mare, vale da sola le fatiche del percorso.

Come arrivare?

Quando ancora non avevo l’auto qui a Maiorca, il Cami des Correu era uno dei miei percorsi preferiti anche perché facilmente raggiungibile in autobus. Da Palma, infatti, ti basterà prendere l’autobus L200 e scendere a Esporles. Al ritorno, dovrai prendere lo stesso autobus a Banyalbufar, e tornare a Palma.

Più semplice di così!

Il percorso

Si attraversa il pueblo di Esporles e si sale lungo la stradina che costeggia la Iglesia de Esporles, dove troverai il primo cartello con il segnale “Camì des Correu”. Come tutti gli altri percorsi escursionistici dell’isola, anche questo percorso è ben segnalato nel dettaglio.

Si prosegue salendo, in quello che è forse il tratto più faticoso del percorso. A un certo punto si dovrà attraversare la strada e proseguire parallelamente a essa, fino ad arrivare in cima, al Coll des Pi. Qui troverai diversi punti panoramici dai quali fare bellissime foto.

Proseguendo, ti accorgerai che il sentiero comincerà a scendere, fino a quando comincerai a scorgere i tradizionali terrazzamenti di Banyalbufar.

Esporlas-Banyalbufar

L’autore, ormai prossimo all’arrivo a Banyalbufar!

E una volta arrivati al pueblo? Io ti consiglio di farti un giro tra le sue stradine e magari scendere verso la Cala Banyalbufar. E se arrivi a orario di pranzo, potrai recuperare dalle “fatiche” della camminata con una mitica paella nel ristorante panoramico Son Tomas.

Non esiste modo migliore di terminare un trekking, non credi?

Camì de Castellò: camminata da Deia a Soller

ZonaSud-Ovest
Distanza12 km circa
Durata4 ore e 30 circa
Accesso coi mezzi pubblicisi
Punto di PartenzaDeia
Punto di ArrivoSoller
Percorso CircolareNo

Per me Maiorca è, in ordine sparso: calette di roccia e mare cristallino; montagna; villaggi da cartolina. Si può riassumere tutto questo in un sentiero?

Deia-Soller

La risposta è sì: il Camì de Castellò, che collega Deia a Soller, è uno dei percorsi più spettacolari della Tramuntana!

La risposta è sì, e questo sentiero è il Camì de Castello, che unisce Deia e Soller, chiamato anche Camì de Vell. Un percorso che ti porterà dalla costa all’entroterra, passando per due delle calette più belle della Sierra de Tramuntana e terminando a Soller: se non conosci questo pueblo, ti consiglio di leggere l’articolo dedicato a COSA FARE E VEDERE A SOLLER.

Un percorso semplice, adatto a tutti e ad ogni periodo dell’anno, della durata di circa 4 ore e mezza, che comincia e termina in luoghi ben collegati dal servizio di trasporto pubblico.

Come arrivare?

Non essendo un percorso circolare, ti consiglio di affidarti ai mezzi pubblici. Molto semplice: dovrai raggiungere Deia con l’autobus 210 da Plaza de Espana (se parti da Palma).

Da Soller, non ti sarà difficile tornare in città. Potrai scegliere tra autobus (210 o 211) oppure il tradizionale Tren de Soller, per finire in bellezza la tua giornata!

Il percorso

L’autobus ti lascerà all’inizio del borgo di Deia. Per iniziare il percorso, dovrai scendere la scalinata che porta fino a Cala Deia, approfittando per dare un’occhiata a quello che è uno dei pueblos più affascinanti di Maiorca, secondo me.

Cala Deia

Non ti sarà difficile individuare la strada che porta a Cala Deia: dalla piazzetta, dovrai percorrere la stradina in salita che va verso la chiesa e il cimitero e a un certo punto scorgerai questa scalinata, ben segnalata. Approfittane per visitare il cimitero di Deia: un cimitero panoramico, unico nel suo genere.

Arrivato a Cala Deia, goditi un po’ la spiaggia: se è estate, potresti pensare a farti un bel bagno. Altrimenti, nelle stagioni più fredde, goditi la calma e la pace di questo posto: sei un privilegiato a poter visitare Cala Deia non affollata!

Esci dalla Cala e torna indietro per una cinquantina di metri, lungo il percorso che ti ha portato lì. Sulla sinistra scorgerai una scalinata: ti porterà prima nella pineta di Pinos de Son Beltran e poi, dopo circa tre quarti d’ora, alla splendida Cala Es Canyeret, chiamata anche Cala Llucalcari.

Se vuoi accorciare un po’ il percorso, potresti pensare di saltare questa parte di escursione, risalendo direttamente verso la strada principale. Risparmierai una mezz’ora circa, ma ti perderai la cala e il pueblo di Llulcalcari. A te la scelta!

Risali la strada, passando all’interno del borgo di Llulcalari. La salita è abbastanza ripida. Non puoi sbagliarti: segui sempre le indicazioni che riportano la scritta “Camì Vell”

Una volta attraversata la strada principale, fuori dal pueblo di Llulcalari, ti immergerai nel bosco: il sentiero vero e proprio ha inizio, abbandonerai la costa e ti dirigerai verso Soller!

Da qui, come detto, il percorso è semplice e unico. Durante il cammino, ti troverai di fronte a splendide “fincas”, le case rurali maiorchine, e punti panoramici da cui scattare foto. Uno dei punti più interessanti che ti capiterà di incrociare è la Capilla de Castellò, un piccolo eremo molto carino. Da lì, la strada è (letteralmente) tutta in discesa verso Soller.

Attraversa i binari del tren de Soller e dirigiti verso la piazza principale, dominata dalla Chiesa di San Bartolomeu e fai il tuo ingresso trionfale nel cuore di Soller!

 

Spero questo post ti sia stato utile! Come tutti i post di questo sito, è in continuo aggiornamento. Scrivo e racconto solo di posti in cui sono davvero stato e quindi, in questo caso, appena scoprirò un altro percorso che valga la pena suggerirti, lo aggiungerò a questa lista!  😄 Lascia un commento se ti va!

⤵️⤵️⤵️

In questo sito usiamo Cookies, che non sono biscotti al cioccolato 🍪, in questo caso, ma piccole tracce del tuo passaggio, utili per offrire una migliore esperienza all’interno del sito. Accetta per proseguire a navigare su VivereMaiorca 😀

Per saperne di più leggi qui Cookie policy