Lavorare come Aupair in Spagna, in particolare a Maiorca, è un’esperienza meravigliosa.

Avete voglia di viaggiare, immergervi nella cultura locale, imparare la lingua e fare fiesta, soggiornando come Au Pair nella vivace Spagna?  E perché vi invito a scegliere Maiorca, piuttosto che la capitale e le grandi metropoli?

Lavorare come au pair ed essere come in vacanza al contempo è possibile, e in questo articolo vi mostrerò, passo dopo passo, come lavorare come ragazza alla pari in Spagna, con consigli e trucchi utilissimi.

Allora, pronti a scoprire come diventare ragazzi alla pari a Maiorca?

 

Cos’è l’Au Pair?

L’au pair è un/una ragazzo/a di età compresa tra i 18 e i 30 anni che, in cambio di vitto e alloggio e di una paghetta settimanale si occupa dei bambini della famiglia con cui vivrà in un paese straniero per un periodo di tempo che può variare dai 6 ai 12 mesi circa.

La figura au pair dovrà diventare parte della famiglia, ricoprire dunque il ruolo di un fratello o sorella maggiore nei confronti dei bambini di cui si prenderà cura. Alla pari, appunto.

 

Ragazza alla pari: visto e documenti necessari per fare l’au pair in Spagna

In quanto cittadino UE, prima della partenza, l’au pair non avrà bisogno di nessun tipo di visto; dovrà soltanto assicurarsi di avere un passaporto o una carta d’identità validi prima di iniziare a programmare il suo soggiorno.

Una volta giunti a destinazione, ciò a cui dovrete ricorrere sarà il documento NIE, una sorta di codice fiscale spagnolo, o meglio, un numero identificativo dei cittadini stranieri, obbligatorio per chi ha scelto di risiedere e lavorare in Spagna. Capire come fare il NIE in Spagna è essenziale per iniziare qualsiasi esperienza di vita in questo paese.

Un altro documento, non obbligatorio, ma che vi consiglio vivamente di ottenere, se la vostra metà sarà Maiorca, è l’empadronamiento, ovvero la residenza spagnola; questo documento vi permetterà di accedere allo sconto del 75% sul prezzo dei voli verso la penisola, sconto riservato solo ai residenti a Maiorca, ottima iniziativa per noi aupairs che, non percependo una somma molto alta di denaro, abbiamo l’occasione di visitare il resto della Spagna prenotando voli a basso costo.

insta tour palma

 

Trovare lavoro come Aupair tramite agenzia: si o no?

Una delle domande più frequenti che viene posta da chi vuole iniziare l’esperienza come ragazza o ragazzo alla pari è se sia obbligatorio rivolgersi ad un’agenzia au pair.

L’agenzia per ragazze alla pari si mostra come la scelta più sicura, tuttavia programmare l’esperienza attraverso di essa non è obbligatorio. L’agenzia si occupa di trovare la famiglia perfetta per voi in base a dove volete soggiornare, a quanti bambini volete accudire e alle lingue straniere che conoscete.

L’agenzia, inoltre, si prende l’incarico di cambiare per voi la famiglia, in caso in cui vi accorgeste di non trovarvi bene in quella in cui siete attualmente; dovrete pagare pertanto una somma di denaro in merito ai servizi appena elencati che l’agenzia svolge per voi.

Consiglio l’agenzia a coloro i quali non conoscano appieno il mondo ‘’au pair’’ e che preferiscono dunque affidarsi a chi lavora nel campo. Qualora non siate disposti a pagare una certa somma di denaro, nulla vi nega la possibilità di cercare una famiglia autonomamente.

 

I migliori siti Au Pair consigliati

Vi allego, pertanto, alcuni siti online che vi permetteranno di pianificare il vostro soggiorno gratuitamente:

Ciò che dovrete fare, una volta iscritti ai siti, sarà semplicemente creare la vostra scheda identificativa:

  • aggiungete qualche foto, meglio se in compagnia di bambini
  • scrivete una biografia il più completa possibile, parlate delle vostre passioni e del perché avete voglia di partire
  • indicate quali lingue straniere conoscete

Abbiatene cura poiché più completo sarà il vostro profilo, e più probabilità avrete di fare una buona impressione sulle varie famiglie che stanno cercando.

Non dimenticatevi di elencare i paesi in cui vorreste alloggiare affinché, una volta concluso il profilo, vi escano automaticamente le famiglie ospitanti in base ai paesi che avete scelto e al numero di bambini di cui volete occuparvi.

Non vi resta che attendere di ricevere messaggi nella posta o mettervi alla ricerca della famiglia che più di tutte combacia con i vostri ideali. Diffidate delle famiglie senza foto profilo e che pretendono da voi che puliate la casa da cima a fondo; siete ragazzi alla pari, non governanti!

Non dimenticatevi di organizzare una video chiamata con la vostra futura host famiglia prima di prenotare il volo aereo, è necessario prestare maggiore attenzione proprio ora che avete deciso di non affidarvi all’agenzia.

Ricordatevi, infine, di richiedere alla vostra futura famiglia ospitante il contratto relativo al collocamento au pair conforme all’accordo Europeo del 24 novembre 1969 e di leggerlo accuratamente prima firmarlo.

 

axa-assicurazione-viaggio

Quanto lavora un au pair?

L’aupair, per legge, non può lavorare più di 5 ore al giorno.

Le ore lavorative alle quali la figura aupair variano da famiglia a famiglia; ci sono famiglie che necessitano un maggiore aiuto al mattino (preparare colazione ai bambini e portare loro a scuola) e qualche ora al pomeriggio. Altre, invece, che avranno bisogno di una mano verso il pomeriggio/sera (andare a prendere i bambini a scuola, dare loro la merenda, eventualmente la cena).

Capiterà che l’aupair dovrà coprire alcune ore di lavoro di notte, chiamato in Spagna canguro nocturno.

 

Stipendi Au Pair: quanto si guadagna come ragazza alla pari a Maiorca

Parliamo ora della paghetta settimanale, che anche in questo caso varia da famiglia in famiglia e dal paese in cui si sceglie di soggiornare.

In Spagna si parla di circa 70\80 euro alla settimana, difficilmente si ottengono somme più alte, almeno che la famiglia non viva in paesini sperduti, piuttosto lontani dal centro città, nei quali l’au pair avrà bisogno di spostarsi in macchina o per mezzo dei bus. Proprio qui a Maiorca ho amici aupairs che vivono fuori Palma che, seppure guadagnando una somma più elevata (circa 100 euro) presentano una maggiore difficoltà negli spostamenti.

Se posso darvi un consiglio, soggiornate a Palma o il più vicino possibile al centro città, cosicché sarà molto più facile per voi muovervi a piedi per le zone più belle della capitale, come Plaça d’Espanya di giorno, o Santa Catalina e Paseo Maritimo di sera, epicentri di bar e locali notturni per giovani e non.

 

Perché scegliere di fare l’Au Pair a Maiorca?

Ma ora veniamo alla parte più importante dell’articolo; perché vi invito a soggiornare qui a Maiorca, nell’isola più grande della Spagna?

La risposta potrà parvi piuttosto banale, ma io scelsi di soggiornare come ragazza alla pari in quest’isola magica principalmente per godermi l’estate, il sole il mare cristallino, scoprendo poco dopo che questa “isla bonita’’ non fosse conosciuta soltanto per i resort balneari, le calette e per la vivace vita notturna.

Quest’isola del Mediterraneo è anche nota infatti per le baie protette, le montagne di roccia calcarea e i resti romani e moreschi, la cui capitale Palma ospita il palazzo reale dell’Almudaina e la cattedrale di Santa María, risalente al XIII secolo.

Per cui, cari prossimi aupairs, non pensiate che a Maiorca ci si possa annoiare di inverno o che rappresenti esclusivamente una meta da godersi durante il periodo estivo, perché vi state sbagliando.

Allora, siete pronti a partire?

 

Questo articolo è stato scritto dalla mia amica Antonella, una ragazza che proprio ora sta vivendo l’esperienza di Au Pair qui a Maiorca. Chi meglio di lei poteva raccontarci come fare la ragazza alla pari in Spagna? Per qualsiasi dubbio o domanda, lascia un commento: io e Antonella saremo pronti a risponderti!

 

  1. Scarica GRATIS la guida a tutte le spiagge di Maiorca

Inserisci la tua mail!

Riceverai subito il Manuale con più di 70 spiagge di Maiorca tutte da scoprire.

Inoltre, ti iscriverai alla mia newsletter: ogni tanto ti invierò consigli, offerte e informazioni su Maiorca! 😁

👉 Scopri la Guida alle spiagge

In questo sito usiamo Cookies, che non sono biscotti al cioccolato 🍪, in questo caso, ma piccole tracce del tuo passaggio, utili per offrire una migliore esperienza all’interno del sito. Accetta per proseguire a navigare su VivereMaiorca 😀

Per saperne di più leggi qui Cookie policy